Come scegliere il decoder digitale terrestre

Siete alla ricerca di un nuovo decoder per il digitale terrestre? Ebbene, per trovare il modello giusto, è importante imparare a capire come funzionano questi apparecchi e soprattutto, scegliere quello che risponda ad una serie di importanti caratteristiche. C’è da dire che a partire da settembre fino alla primavera del 2022 in Italia vi sarà lo switch-off dell’attuale sistema di digitale terrestre, quindi per vedere i canali in alta definizione sarà obbligatorio avere una TV che abbia incluso questo sistema DVB T2 o altrimenti comprare un nuovo decoder. Vediamo quali sono le caratteristiche per scegliere quello migliore.

Le caratteristiche del nuovo decoder DVB T2

Se siete alla ricerca del nuovo decoder per adeguarsi alla tecnologia del digitale terrestre in arrivo da settembre alla primavera 2022 in Italia, dovete verificare una serie di caratteristiche come:

  • Tecnologia DVB T2
  • Funzioni
  • connettività

Tecnologia DVB T2

Innanzitutto, chi vuole comprare un nuovo decoder per adeguarsi al sistema in arrivo nei prossimi mesi, deve verificare bene di che tecnologia è dotato. Come già detto deve essere DVB T2. In pratica, cambia completamente la tecnologia. Vi sono i decoder standard che le riescono a leggere immagini in alta definizione e sono molto pratici e più economici. Poi vi è il decoder con smart card che spesso viene utilizzato anche per i servizi pay TV e infine, il decoder 4k che riesce a garantire una risoluzione di altissima qualità ancora più elevata rispetto all’HD, va verso l’Ultra High Definition. In commercio vi sono anche i cosiddetti decoder combo che leggono vari tipi di tecnologie. Prima di comprarlo è opportuno verificare che sia compatibile con la tecnologia DVB T2, mentre in passato che era tecnologia DVB T1, ovvero la prima generazione che usava il formato mpeg-2. Adesso, la seconda generazione ha la codifica mpeg-4 e Hevc, ovvero High Efficiency Video Coding. La differenza sostanziale è che le immagini vengono riprodotte a 1080 pixel di definizione, proprio come in un lettore blu-ray.

Funzioni del nuovo decoder

Tra le funzioni del nuovo decoder, vi è innanzitutto quella di registrazione. Infatti, il sistema PVR ovvero Personal Video Recording, detto anche digital video recording: permette di registrare i vostri programmi preferiti per guardarli in un secondo momento. Verificare anche che il decoder DTT abbia gli ingressi USB in modo tale da avere memorie portatili ed espandibili. Questo è fondamentale perché vi permetterà di usufruire del decoder per una serie di funzioni per godere di una personalizzazione davvero eccellente.

Connettività

Un’altra cosa importante di un decoder digitale terrestre è che possa connettersi a internet in modo tale da darvi l’accesso ai servizi on demand, come ad esempio i TV box di Vodafone o Timvision, controllate sempre che il prodotto ne abbia una disposizione. La connettività con la tv invece, deve essere tramite HDMI, in modo tale che la qualità del video sarà assicurata. Alcuni modelli hanno anche una slot card necessaria per utilizzare alcuni servizi pay TV.

Come capire se il decoder riceverà le nuove frequenze

Per capire se il decoder riceverà le nuove frequenze, bisogna fare particolare attenzione al fatto che questo dispositivo rientri in quelli della seconda fase o con la codifica Hevc. Sicuramente ci sarà la dicitura vicino alla confezione e l’installazione dovrebbe essere abbastanza semplice. Ad oggi sarà anche possibile usufruire del bonus TV per chi vuole comprare una nuova TV con questo sistema. Altrimenti si può acquistare semplicemente un nuovo decoder esterno, in modo tale da aggiornare il proprio televisore a questo sistema e riuscire a garantirsi una visione eccellente in altissima qualità. E’ molto importante adeguarsi e riuscire a farlo velocemente e facendo attenzione a tutti i dettagli! Cosa aspettate? Non perdete questa occasione!

Articoli correlati